II CAT. Kolbe Legnano espugna Busto - SM Kolbe
2098
post-template-default,single,single-post,postid-2098,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-19.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

II CAT. Kolbe Legnano espugna Busto

II CAT. Kolbe Legnano espugna Busto

Condividi l'articolo:

La squadra di coach Nello affronta il Beata Giuliana, squadra tosta che milita in categoria da qualche anno, e lo fa per la prima volta senza quel capitan Ortica che tanto pesa nei momenti critici.

I primi 15 minuti è la Kolbe a dominare il gioco e ad essere pericolosa con Rimoldi che si trova a tu per tu col portiere ma si mangia il gol calciando a lato. E’ ancora Rimoldi che si libera abilmente dell’avversario e, ancora davanti al portiere, calcia bene ma il pallone non termina dove dovrebbe.

La regola del gioco del calcio non tarda a far sentire il suo peso ed è il Beata Giuliana che sfrutta la prima occasione ribadendo in gol. Prima della fine del primo tempo Monsorno è poco convinto su una respinta e i padroni di casa raddoppiano. Mancano pochi secondi alla fine, già il pubblico lascia gli spalti per un caffè ma è Pedrani che danza con il pallone, si fa beffa del difensore e avversario e con un vellutato cucchiaio insacca per il 2-1. L’arbitro manda tutti a bere un tè caldo con gli ospiti convinti di aver raddrizzato la partita.

Al rientro cambio Vanzulli per Ferrero. La Kolbe parte come al primo tempo, e come al primo tempo viene beffata. Beata Giuliana 3 Kolbe 1.

E’ qui che servirebbe capitan Ortica, quello del “raga su la testa non si molla”, ma il numero dieci e la fascia da capitano oggi li indossa Clerici che a centro campo non molla un pallone e incita i compagni a ripartire… ed é Rimoldi che decide di riscattarsi e insacca per il 3-2.

Monsorno è fondamentale a chiudere lo specchio agli avversari in un paio di occasioni. Pedrani è un furetto che in pochi riescono a controllare, e Viganò, entrato a sostituire Martini S., sfiora il pareggio su un suo cross. Su una punizione ottimamente battuta da Clerici è Ema Chierichetti che trova il pareggio, ed è ancora Chierichetti che anticipa magistralmente a centro campo un pallone, lo governa e quando tutti gridavano “passala passala” lui va avanti palla al piede salta un avversario, si porta al limite dell’area, chiede un 1-2 a Rimoldi che lo libera in mezzo all’area, salta un uomo si aggiusta il pallone e gonfia la rete per il definitivo 3-4.

Una partita di sostanza, di grinta e di cuore, tutti hanno messo quello che avevano e ne è uscito un capolavoro! Ribaltare un risultato che ci vedeva sotto di due lunghezze per due volte era tutt’altro che facile!

Questo è il cuore Kolbe, questa è la voglia di continuare a volare la #doveosanoleaquile

Oggi sarebbe giornata da pagelle…. ma tutti promossi alla grande con un M.V.P. che, per la seconda volta consecutiva, se lo aggiudica John Wayne Ema Chierichetti che, dopo la doppietta, scarica il caricatore del suo revolver nel suo classico festeggiamento.

#ètuttomoltonello #perpassionesecondianessuno #doveosanoleaquile

Ufficio stampa Kolbe – divisione calcio

No Comments

Post A Comment