ALLIEVI 2002 – Un passo indietro - SM Kolbe
1705
post-template-default,single,single-post,postid-1705,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.3,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-19.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

ALLIEVI 2002 – Un passo indietro

ALLIEVI 2002 – Un passo indietro

Condividi l'articolo:

Gorla Minore – S.M. KOLBE = 10 – 1 (P.T. 3 -0)

Quest’anno mi sono ripromesso di scrivere tutte le domeniche quanto i nostri “Allievi 2002” mettono sul campo; nel bene e nel male, nelle vittorie e nelle sconfitte, anche quando è difficile dopo una sconfitta di queste proporzioni. Scrive un genitore prendendosi le proprie responsabilità (ci mancherebbe) cercando esprimere il più fedelmente possibile quanto condiviso con gli altri durante e dopo la partita (ma tutti sono liberi e invitati a farlo), non fermandomi se possibile alla pura cronaca. Non nominerò MVP perché secondo me si vince e si perde in 18.

La partita di ieri inizia con la squadra schierata con un 4-4-2 che si rivela immediatamente un 4-3-3 squilibrato in quanto la nostra ala destra decide di non tornare quasi mai per tutta la partita mettendo in difficoltà sia il terzino che il centrocampista di destra costretti a ballare sempre in inferiorità numerica. Ciò non accade invece a sinistra fino a metà secondo tempo con la sostituzione di uno stremato Biaggio; dopodiché le due fasce diventano una fotocopia.

Il primo tempo risulta comunque equilibrato pallino del gioco in mano al Gorla pericoloso principalmente su palle ferme e con qualche pericolosa ripartenza Kolbe; subiamo un gol per una disattenzione ma tutto lascia pensare che si possa raddrizzare la rotta anche se alcuni giocatori, anche tra i più rappresentativi, non risultano essere in gran giornata: ci facciamo anticipare spesso sui nostri rilanci, buchiamo il pallone al centro sui loro, facciamo poco movimento senza palla e tendiamo ad intestardirci con la palla tra i piedi pensando che gli avversari ci possano lasciar passare come i cinesini in allenamento.

Arriviamo purtroppo però al consueto fatidico e devastante 40° minuto (ultimo minuto per la categoria allievi): l’arbitro si inventa una punizione per il Gorla dalla quale scaturisce una mischia dove lasciamo incomprensibilmente liberi 2 giocatori, sul tiro sbagliato di uno di questi la palla finisce ad un avversario in netto fuorigioco che da due passi mette in rete.

Non finisce qui: l’arbitro non guarda il cronometro e lascia giocare nonostante nel primo tempo non ci siano state interruzioni si accorge che deve fischiare la fine del tempo (avvertito dal nostro pubblico), solo dopo il 3 a 0 Gorla al 43°, subito però (e qui l’arbitro non ha colpe) per un contropiede dove lasciamo correre gli avversari per 50 metri palla al piede senza nemmeno pensare ad un falletto tattico.

Vero è che per un 10 a 1 non si può recriminare per l’arbitro, vero è che i ragazzi non erano ispirati come domenica scorsa, vero è che gli avversari erano di spessore, ma senza quegli ultimi 3 minuti dove il direttore di gara ci ha messo del suo, potevamo vedere un altro secondo tempo del quale non diciamo nulla perché finito dopo pochi minuti quando abbiamo subito un surreale quarto gol.

Quello che però avremmo voluto vedere nel secondo tempo era il ”dare il massimo” a prescindere dal risultato ma lo abbiamo visto veramente in pochi elementi mentre la gran parte si “muoveva” in campo, non tornando, non lottando, magari rimproverando i compagni e correndo solo quando riceveva Il pallone per attaccare. Comunque guardiamo sempre il bicchiere mezzo pieno cioè i primi 39 minuti e…

AVANTI RAGAZZI NOI CONTINUIAMO A CREDERCI, VEDIAMO SEMPRE UN GRAN BEL LAVORO IN ALLENAMENTO.

CI VEDIAMO A MARNATE PER IL POSTICIPO DOVE SI RIACCENDERA’ SICURAMENTE LA LUCE!

ufficio stampa – divisione calcio

No Comments

Post A Comment