KOLBE Val D'Elsa per 3 giorni - SM Kolbe
3145
post-template-default,single,single-post,postid-3145,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-1.0.6,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

KOLBE Val D’Elsa per 3 giorni

KOLBE Val D’Elsa per 3 giorni

Condividi l'articolo:

In una splendida cornice Toscana si è svolto il torneo dedicato alla memoria di Claudio Rossetti (pilota senese di aerei antincendio deceduto nel 2005 durante le operazioni di salvataggio e insignito della medaglia al valore civile), una manifestazione sportiva splendidamente organizzata dalla società PGS Pietro Larghi con cui la Kolbe ha stretto da tempo un bellissimo rapporto di amicizia e collaborazione.

Chiamata a difendere il titolo vinto nella precedente edizione la Kolbe si presenta con la formazione di coach Tiziani e la sua squadra (al primo anno di u16). Le ragazze partono un poco sotto pressione nelle partite del mattino e non riescono a sfruttare le occasioni che hanno di chiudere i due incontri (persi entrambi per 2-1) e si trovano così fuori dalla zona podio ma si riscattano nel pomeriggio vincendo bene 2 incontri su 2 (vinti entrambi per 2-0) e piazzandosi in classifica con un onorevolissimo quarto posto.

 

Questo è quello che abbiamo fatto in tre giorni? Certo che no perché i tre giorni a Colle non sono “solo” un torneo ma è impossibile descrivere questi giorni perché sono stati un mix esplosivo di vita, amicizia, adrenalina, risate, pianti, litigi e tutto quello che può succedere quando si vivono intensamente le esperienze… e allora riviviamole, come sempre, con alcuni frammenti che sono rimasti e resteranno nella memoria di chi li ha vissuti anche se, forse, li capiranno solo loro…:

la partenza; le radioline; la porta chiusa e le chiavi lasciate in camera; Poggibonsi; le doghe; i sequestri dei cellulari; i babysitteraggi; i canti con i compagni di cena; i piccioni e le urla; il moscerino sulla maglietta; Reggio Emilia che, notoriamente, si trova in Calabria; partite a “stone volley”; il pigiamino; i sinaghesi; prudilo; Siena con il suo duomo bianco e…blu! e il suo…mare!!; San Gimignano e la “carità” per raccogliere i soldi del gelato; la messa; i 50 centesimi per il bagno;  il gelato di Sinago; la divina commedia; la riunione e le “proposte”; le frenate e le cadute dal sedile; la colomba no… ma con la nutella si!; le cadute dal pulmino (a pulmino fermo); il saluto di inizio partita… senza maglietta…; la palestra piccola e bassa; la foto con il “basilisco” sullo sfondo; il turbante; la delusione e qualche lacrima; il pranzo tra le gare del mattino e quelle del pomeriggio; le 4 ore mancanti all’arrivo; Gali e Sfera… a palla; il meritato riposo sugli spalti interrotto da un doveroso riordino; la salamella da Poldo!; il lunghissimo viaggio di ritorno; … questo e molto altro perchè la trasferta in terra Toscana è più che un torneo!

 

Tre giorni vissuti intensamente ed allegramente e grazie al supporto preziosissimo dell’amico di lunga data Andrea Picchioni che ci ha supportato e sopportato per 3 giorni, all’ospitalità unica della PGS Pietro Larghi, al sempre splendido sorriso di Irene Gambassi, all’amicizia di Pippo (che vince una scommessa per una barba….), per questi giorni la KOLBE Legnano e P. LARGHI Colle val D’Elsa si fondono dando vita a “KOLBE VAL D’ELSA”.

Un ringraziamento particolare a Miriam e a Igor per la presenza la condivisione e la disponibilità, un ringraziamento ai genitori per la fiducia con cui ci hanno affidato le ragazze e alle ragazze stesse per la simpatia, l’educazione e la serenità con cui hanno vissuto questi giorni.

Mauro Martini

No Comments

Post A Comment