I divisione Femm: abbattuta la Corazzata Canegrate - SM Kolbe
2773
post-template-default,single,single-post,postid-2773,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

I divisione Femm: abbattuta la Corazzata Canegrate

I divisione Femm: abbattuta la Corazzata Canegrate

Condividi l'articolo:

La I divisione kolbe scende in campo in quel di Canegrate ad affrontare la capolista nella prima giornata del girone di ritorno e, come da non troppa recondita speranza e pronostico, mette in mostra quanto di meglio è in grado di fare.

I primi due set le ragazze di coach Farida annientano qualsiasi azione offensiva delle padroni di casa e rimandano palloni al vetriolo che aggiungono punto su punto e fanno si che, in poco meno di un’ora di gioco, il risultato sia fissato sul 2-0 per la SMK.

Poi succede quello che non dovrebbe: le legnanesi si affievoliscono sia di fisico che, soprattutto, di testa dando la possibilità alle Canegratesi di riorganizzarsi e di poter mettere in mostra il motivo per cui sono prime in classifica: un bel gioco attento e preciso in attacco e con pochissime sbavature in difesa e ricezione. Il terzo set viene vinto facile dalla capolista, ed anche il quarto, sebbene con una maggior resistenza (25-21), viene messo in archivio dalle biancorosse che portano così in pareggio il risultato.

Siamo al tie-break, sugli spalti succede di tutto: la curva della Kolbe si scatena, qualcuno fa già l’analisi della partita e perde la speranza, qualcuno va fuori sotto la tettoia, qualcun altro organizza una raccolta firme per allontanare il pres dagli spalti (arrivato sul 2-0 per la Kolbe all’inizio del terzo set…), ma poi la ragione vince e decidono tutti assieme che tifare le ragazze in campo è forse il modo migliore e “KOLBE KOLBE” è il grido che sostiene le ragazze fino al 14-11 per noi, anzi…14-12… no, abbiamo detto che per questa squadra dobbiamo soffrire e quindi via… 14-13…. Il pubblico si ammutolisce e siamo certi che siano stati il 7imo giocatore in campo…. quelli che hanno spinto quella palla quel tanto che basta per toccare il nastro, farla toccare dall’avversaria e spegnersi per terra sancendo così la vittoria per 3-2 della Kolbe e scatenando l’urlo di liberazione e il, mai più meritato di questa sera, “torno a casa senza voce” da parte delle soddisfatte ragazze.

Ci voleva questa partita, ci voleva questa iniezione di autostima che permette alle ragazze di guardare tutto il girone di ritorno con uno sguardo ed una consapevolezza differente. Appuntamento ora il 2 febbraio nella partita casalinga vs. il Magenta con l’obbiettivo chiaro di dimostrare che la vittoria con la capolista non è stato un caso, ma frutto di un lavoro collettivo che inizia a dare i suoi risultati!

LET’S GO KOLBE

Ufficio stampa Kolbe- Divisione Volley

 

No Comments

Post A Comment