Under14 FIPAV seconda catartica vittoria - SM Kolbe
2467
post-template-default,single,single-post,postid-2467,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-17.0,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Under14 FIPAV seconda catartica vittoria

Under14 FIPAV seconda catartica vittoria

Condividi l'articolo:

Camp. Provinciale FIPAV Milano-Monza-Lecco. U14 Femminile Girone L (Prima Fase) – 6a Giornata Andata Scuola Elementare Don Milani (Legnano – MI) – 26 Novembre 2017 11.00

A.S.D. San Massimiliano Kolbe – Sant’Ambrogio Parabiago 3 – 2
(25/20 25/23 22/25 13/25 15/13)

Kolbe: 2 Marino Laura, 3 Leonardi Giulia (K), 5 Ghirardello Alice, 8 Candiani Maddalena, 12 Tateo Giada, 15 Cavalli Marta, 16 Totè Martina, 21 Turconi Alessia, 25 Calloni Maria Chiara, 26 Tripodi Letizia

All. Nasretdinova Farida 

LA CRONACA: Riscaldamento efficace per le nostre ragazze che prendono le misure alle avversarie più fisicate.Il primo set infatti, nonostante un poco rassicurante 0-4 tenuto sul groppone fino al 11-15, vede le ragazze scrollarsi di dosso la paura di sbagliare e iniziare una buona serie di battute vincete e schiacciate efficaci che permettono un parziale di 9-1 di sicurezza. A differenza della scorsa settimana, una piccola rimonta sul 23-20 ed un timeout provvidenziale riportano l’ordine in campo e la frazione si chiude con una schiacciata “dal basso”.

L’entusiasmo riporta avanti le nostre fino al 6-1, frutto anche qui di un gioco aggressivo ed efficace. Risale poco alla volta il ritmo anche delle nostre avversarie sini a sfiorarci sul 16-15 con un errore in ricezione della nostra schiacciatrice più “tascabile”. Non si perde d’animo Farida che riporta la calma nel sestetto e indica la strada per cogliere anche il secondo set decisamente più in bilico.

Il terzo set è una guerra in punta di fioretto dove i primi rinfrancanti muri non bastano a togliere la tranquillità al Parabiago che, sul 19-17 per noi, sfrutta un piccolo spiraglio lasciato dai nostri errori e si rimette in carreggiata.

Nel quarto set, la c

 

arreggiata per le nostre avversarie diventa più simile ad una autostrada e la nostra si restringe sino a diventare una mulattiera di montagna tutta in salita da dove i passaggi dal 2-7 al 9-20 rendono palese il risveglio delle avversarie che sfruttano al meglio la loro solidità e un piccolo timore suscitato dall’apparire della prima battuta al salto della giornata.

Tutto da rifare nel quinto set dove si parte decisamente male con cinque punti di fila ed un affaccio sul punteggio di 2-7 che non promette nulla di buono. Le ragazze di Parabiago iniziano a sbagliare schiacciate per troppa sicurezza. Se un esempio vale più di cento parole allora un muro in faccia alle avversarie vale più di cento ace. Dalla formazione atipic che il nostro coach estrae dalla scatola delle magie nel quinto set (alzatore in posto 3 e quattro bande in campo), sono ben 4 muri che ci portano dal 7-9 donatoci dalle avversarie fino al 14-13 conquistato con le unghie della prima linea.

Come dice anche Red nella parte finale del film “Le Ali della Libertà”, ‘mi piace immaginare che’ l’ultimo pallone abbia sostituito nelle orecchie della nostra schiacciatrice Alice tutto il frastruono dei nostri tifosi ultras (finalmente caldi) con il dolce suono del rimbalzo a terra che dona la vittoria.

LA SINTESI Arriva a proposito da una frase tratta da un film (“In una staffetta non puoi passare il testimone e basta, devi correre un pezzo di fianco al tuo compagno”). Forse questa squadra al completo può iniziare a capire che non basta mettere in pratica insegnamenti per trovare la sintonia, bisogna correre un pezzo di staffetta insieme.

Ufficio stampa Kolbe – divisione Volley / Luca Cavalli

No Comments

Post A Comment